Rilevanza dell’educazione terapeutica nel trattamento fisioterapico del paziente con fibrosi cistica: analisi del contesto e progettazione di un piano educativo – Pomarolli Miriam

OBIETTIVO
L’obiettivo della tesi è quello di elaborare un piano educativo strutturato analizzando gli strumenti usati in altre realtà europee con esperienza nel settore dell’educazione, proporlo ai pazienti affetti da FC e rilevarne l’applicabilità ed il gradimento. Lo strumento educativo progettato dovrà essere adatto al contesto organizzativo del Centro di Supporto Trentino per la cura della FC, in modo da rispondere alle esigenze degli utenti e di favorire la sua integrazione nei piani di cura già esistenti.

PRESUPPOSTI TEORICI
Nella Fibrosi Cistica, come nelle altre patologie croniche, i pazienti mostrano una scarsa aderenza ai piani terapeutici proposti, in modo particolare per quanto riguarda la fisioterapia e l’esercizio fisico. È dimostrato che i pazienti meglio informati ed educati (empowered) aderiscono maggiormente al piano di cure, e di conseguenza presentano una riduzione delle complicanze, livelli di sopravvivenza più alti, una miglior qualità di vita, una riduzione dei ricoveri non adeguati e un minor costo sanitario.

MATERIALI E METODI
Dopo aver analizzato il contesto organizzativo del Centro di Rovereto, si è svolta un’analisi sistematica della letteratura medico-scientifica. Si descrive poi l’elaborazione e l’applicazione del progetto elaborato, il quale prevede la somministrazione di 1 questionario di conoscenze, di 1 piano educativo, di una seduta educativa e di 2 questionari di gradimento.

RISULTATI
Hanno partecipato allo studio 22 soggetti (il 45% degli utenti del Centro). Il 75% di essi ritiene il progetto proposto “molto” utile e gradito, e di aver ricevuto informazioni applicabili alla vita quotidiana. Mediamente i soggetti hanno risposto in maniera errata al 14% delle domande di conoscenza, ed hanno voluto approfondire 3 punti del piano educativo.

DISCUSSIONE
Si sono ricercate relazioni tra i dati rilevati e le caratteristiche dei pazienti; la discussione viene integrata con osservazioni che ho potuto rilevare durante la sperimentazione del progetto, in modo da avere una visione più completa del fenomeno indagato e proporre elementi per migliorare l’azione educativa del fisioterapista. Sono emerse delle criticità riguardo la formulazione di due domande del questionario di conoscenze.

CONCLUSIONE
Il progetto ed il piano educativo proposti hanno riscontrato un elevato gradimento da parte dei soggetti indagati (pazienti e caregivers); gli obiettivi d’apprendimento proposti interessano e sono applicabili ad aspetti concreti della vita quotidiana. Il progetto è di facile comprensione ed utilizzo, sia per i fisioterapisti che per i pazienti. È auspicabile che questo strumento, dopo alcune modifiche migliorative, venga integrato nella pratica riabilitativa e condiviso.

PAROLE CHIAVE: éducation thérapeutique, compétences patients, empowerment, education program associate a Mucoviscidose/Cystic Fibrosis.

Submit a Comment